WebSeo
L’emergenza coronavirus COVID-19 ha ormai coinvolto la maggior parte del mondo, e in Europa è...
WebSeo
2020-03-02 10:41:39
WebSeo logo

Blog

Coronavirus COVID-19 ha impatto disastroso sul mercato degli smartphone

Soprattutto in Italia

L’emergenza coronavirus COVID-19 ha ormai coinvolto la maggior parte del mondo, e in Europa è proprio l’Italia a versare nelle condizioni peggiori. I numerosi crolli in Borsa saranno accompagnati da difficoltà sostanziali per il mercato globale, difficoltà che interesseranno quasi tutti i settori. Tra questi c’è anche la telefonia, con gli analisti che rivedono al ribasso le stime di vendita, la velocità nella diffusione delle nuove tecnologie e la stabilità di numerose aziende. Vediamo quindi che situazione si profila per quanto riguarda gli smartphone in questo 2020, usando come riferimento le stime dell’istituto di ricerca Canalys.

Nelle previsioni di qualche mese fa ci si aspettava un primo trimestre del 2020 con spedizioni dello 0,3% inferiori rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Le stime aggiornate indicano adesso un -14,5%, quindi un fortissimo rallentamento dovuto appunto alla paura dei consumatori. L’acquisto di nuovi smartphone o di prodotti tecnologici non è certo la priorità, in questo momento.
Durante il secondo trimestre invece la stima era un +0,3%, che adesso è invece diventata un -6,9%. Un peggioramento sostanziale, certo, ma meno severo rispetto al trimestre precedente.

Gli analisti hanno comunque un certo ottimismo per quanto concerne il terzo e quarto trimestre 2020. Ci si aspetta infatti una interruzione nella diffusione del coronavirus, grazie al lavoro di contenimento dei governi, alle diverse situazioni meteo e al naturale corso del virus. I test sul vaccino dovrebbero inoltre tranquillizzare la popolazione che, secondo le previsioni, ritroverà la voglia di spendere, dando una boccata d’aria al mercato.
Nel terzo trimestre ci si aspettano quindi spedizioni in crescita dell’1,8%, contro lo 0,8% precedentemente stimato. Situazione di crescita anche nel quarto trimestre, con un +8% contro il +4,9% delle stime precedenti.

Sembra insomma che il mercato si trovi in una situazione di stallo, almeno per il momento. Con l’attenuamento della paura e la riduzione dei contagi si potrà finalmente avviare un processo di crescita. Per il momento ci si concentra sulla salute, cercando di non dare troppo spazio agli allarmismi.

ARTICOLI CORRELATI