WebSeo
Sundar Pichai ha rilasciato una lunga intervista all’autorevole The Verge, dove ha parlato...
WebSeo
2020-05-21 12:06:09
WebSeo logo

Blog

Pixel in difficoltà, ma Google ci crede ancora

Intanto sembra che il Pixel 4a sia stato nuovamente rinviato

Sundar Pichai ha rilasciato una lunga intervista all’autorevole The Verge, dove ha parlato dell’attuale situazione dei Google Pixel e dei piani futuri della compagnia per quanto riguarda i propri hardware. Non è un segreto che la linea Pixel non abbia mai raggiunto un mercato mainstream. Non tanto per mancanze reali in termini hardware, quanto forse per strategie di marketing sbagliate e un prezzo che di certo non ha aiutato.

Il team MadeByGoogle ha perso di recente alcune importanti personalità, durante un periodo a dir poco movimentato. Pensiamo infatti all’assorbimento della divisione mobile di HTC, o anche all’integrazione di Google Nest.

Pichai sottolinea come Google abbia intenzione di rimanere nel mercato dell’hardware e degli smartphone Android. Desidera farlo coprendo due fasce fondamentali, ovvero quella media e quella dei cosiddetti utenti enthusiast. I top di gamma avranno il compito di stabilire gli standard per il futuro e promuovere lo sviluppo di nuove tecnologie. La fascia media sarà necessaria invece per raggiungere la maggior parte dei consumatori e permettere al marchio di guadagnare popolarità.

Alle informazioni confermate da Google si aggiungono i rumor delle ultime ore diffusi su XDA Developers. A sentire le indiscrezioni, i Google Pixel del 2020 non monteranno processori top di gamma, accontentandosi di una fascia media (serie 76x di Qualcomm Snapdragon). Ciò significa che le caratteristiche tecniche più interessanti potrebbero riguardare altri elementi dello smartphone, magari il display o la fotocamera.

Gli schermi ad alto refresh rate sembrano infatti essere il trend del momento, portando miglioramenti significativi nell’esperienza utente, in particolare per i videogiocatori. Le fotocamere sono rimaste invece una delle più apprezzate eccellenze dei Google Pixel fin dalla prima iterazione, e non è dunque da escludere che il colosso di Mountain View voglia continuare a spingere in questa direzione.

Naturalmente bisogna ricordare che è opportuno prendere le voci di corridoio con un po’ di scetticismo, e che ad oggi sarebbe saggio non escludere nulla. Per il momento l’unica cosa certa è che Google continua a credere nel proprio hardware, anche se si vocifera che il Pixel 4a sia stato ulteriormente rinviato al 13 luglio. Bene ma non benissimo, come si suol dire.

ARTICOLI CORRELATI